Cerca nel blog

venerdì 12 novembre 2010

Buoni motivi per adorare Mussolini parte 1

Oggi ho ritirato dalla lavanderia la tonaca e sono davvero una cardinala felice! Infatti il nuovo ammorbidente è riuscito a dare un così bel risalto al colore che pure quelle sfrante delle Guardie Svizzere mi guardano con due occhi così! Invidiosette...
Cooomunque, anche oggi mi sono dilettata nella lettura del mio blog preferito. Indovinate quale? Ovvio no? Pontifex! Dilettandomi a leggere un meraviglioso post a proposito di quelle velate di Famiglia Cristiana, su cosa cadono i miei occhi arrossati dallo struccante?


In quanto al fascismo. Scontato che fu una dittatura, non ci piove. Ma va anche detto che Mussolini non fu il male assoluto e  fece anche cosa buone e va rivalutato.


Bruno Volpe, se per lavoro non fossi sposato con Gesù, veramente, verrei domani a farmi chiedere in sposa. Finalmente qualcuno che dice la verità! Approfitto dunque di questo post per ribaltare la verità storica frottola che come un herpes è passata di labbra in labbra, ovvero che Mussolini fosse brutto, taluni dicono anche cattivo. Comincerò questa mia opera di revisionismo storico riabilitazione della verità innanzitutto evocando il potere di Giampaolo Pansa, un po' come Sailor Moon che evocava la Luna e quel manzo di Milord per salvare la Terra:


Potere della faccia da culo verità storica, vieni a me!

Ok, iniziamo qui dicendo che è grazie a Mussolini che l'uomo calvo è diventato secsi. Insomma, abbiamo passato i migliori anni della nostra vita a farci le pippe solo con maschi con la crapa coperta da una fluente foresta di maschi boccoli, novelli sansoni le cui chiome dovevano darci la misura delle loro grazie celate dalle mutande. Esempi:

Lord Byron


Alain Delon

Lorenzo Lamas

Andrè Grandier

E poi, la rivoluzione, ma quella giusta. Appare Egli, Benito, e il fatato mondo delle mie fantasie sessuali muta radicalmente.... 


Finalmente l'alopecia perde la sua aura di sfigatume  e risorge come novella araba fenice al ruolo di turgido simbolo di virilità. Grazie alla pelata di Benito io apro i miei orizzonti, al punto tale che anche le palle da bowling mi risultano sessualmente appetibili.
Ordunque, maschi sulla cui testa non cresce nemmeno più la speranza, svegliatevi! Cosa hanno fatto per voi gentaglia come Berlinguer, Che Guevara, Gramsci, Matteotti? Quale slogan politico si è intonato per i vostri complessi di inferiorità, quale battaglia è stata intrapresa? N E S S U N A! Se non era per Benito nostro, Trentalance stava al reparto pacchi delle Poste, altroché!
Quindi partite da qui o ipotetici lettori e lettrici per riabilitare questa figura fin troppo giustificata  bistrattata.
Alla prossima!

3 commenti:

Karma_Houdini ha detto...

C'è da dire che Andrè non si chiamava Grandier per caso. Negli spogliatoi era meglio conosciuto dai suoi colleghi della guardia nazionale come Andrè the Giant.

MadDog ha detto...

Sia lode al Grandier.
Per quanto pure il Delon ai tempi mi aveva un suo perchè. E, volendo, anche un suo percome.
Riverenza, inchino e baciamano, reverendissima.

Monsignor Gerlando Gerlandetti ha detto...

Andrè mi ha turbato parecchi sonni. Veramente i soldi per la fininvest sono stati i migliori che Totò Riina abbia mai speso!
Accetto i baciamani, ma non perdiamoci troppo in chiacchiere ça va?